Nella baia di San Francisco, su un’isolotto chiamato “the Rock” per il suo aspetto spoglio, si trova quella che è stata una delle prigioni più famose al mondo, dalla quale era praticamente impossibile fuggire: Alcatraz. La prigione federale di massima sicurezza fu operativa dal 1934 al 1963. Qui venivano rinchiusi i detenuti più pericolosi della California se non di tutti gli Stati Uniti. Dal 1972 l’isola è diventata una riserva naturale visitabile, con giardini e una fauna composta principalmente da uccelli marini che vengono qui a nidificare.

L'isola di Alcatraz vista dal battello.
L’isola vista dal traghetto. La traversata parte dal Pier 33 e dura circa 20 minuti. La vera e propria prigione è l’edificio più in alto, mentre quello bianco in basso a destra è l’edificio 64, dove risiedevano i dipendenti della prigione con le loro famiglie.

 

"Indians Welcome", scritta sulla facciata dell'edificio 64 ad Alcatraz
La scritta “Indians Welcome” sulla facciata dell’edificio 64 ricorda che nel 1969 l’sola, che era in uno stato di totale abbandono, fu occupata dai nativi che vi rimasero fino al 1972.

 

Alcatraz, le docce
Uno dei primi ambienti della prigione è la sala dove ai nuovi arrivati veniva fatta fare la doccia.
Alcatraz, la consegna della biancheria
La distribuzione della biancheria. Le divise dei carcerati erano bianche e blu.

 

 

Alcatraz, una delle celle dell'isolamento
Una cella del Blocco D, il blocco delle punizioni e dell’isolamento. Le celle dalla 9 alla 14 erano le peggiori perché erano le più fredde e prive di luce. Le pareti erano scure e c’era solo un buco come wc. I prigionieri vi venivano rinchiusi nudi con solo una coperta consegnata la sera. Non potevano uscire per mangiare e potevano lavarsi solo due volte alla settimana.

 

Alcatraz, la cucina
La cucina. Questo ambiente era immediatamente dietro al salone della mensa. Vi lavoravano i detenuti che preparavano i pasti sia per i carcerati che per i dipendenti del carcere. Al contrario di quanto si possa pensare, ad Alcatraz si mangiava piuttosto bene. Si noti nella foto il pannello con le sagome dei coltelli che serviva a controllare che non ne sparisse nessuno.

 

Alcatraz, la biblioteca
La Biblioteca di Alcatraz conteneva circa 150.000 volumi. Ogni carcerato poteva richiedere 3 libri alla volta che gli venivano fatti trovare in cella dopo la colazione. Si stima che ogni carcerato leggesse in media 100 libri all’anno.

 

 

La casa del direttore. La prigione di Alcatraz ebbe quattro direttori che vissero in questa casa. Quest’ultima era arredata lussuosamente e aveva grandi finestre con un panorama stupendo sulla baia. Purtroppo fu distrutta quasi del tutto durante l’occupazione dei nativi.

Info utili

  • Io ho acquistato i biglietti tramite Alcatraz Cruises. Oltre al tour di giorno si può scegliere, ad un prezzo leggermente più alto, il tour serale.

  • È necessario prenotare i biglietti con largo anticipo, almeno un mese prima. A meno che non vogliate fare un tour serale, acquistate i biglietti del primissimo turno della mattina (chiamato Early bird), così da arrivare sull’isola quando ancora non c’è nessuno. Al ritorno invece potete prendere il traghetto quando volete perchè non ci sono limiti di tempo per stazionare sull’isola.

  • Non ci sono punti di ristoro sull’isola, cibo e bevande sono venduti solo sul traghetto. La visita prende come minimo 2-3 ore, quindi regolatevi di conseguenza.

  • Nel tour è compresa un’audio guida, volendo anche in italiano, che dura circa 45 minuti. Le voci narranti sono quelle delle ex guardie giudiziarie della prigione e di alcuni ex detenuti che fanno rivivere con suoni e rumori di sottofondo la vita della prigione, raccontando il quotidiano e la storia delle fughe più celebri.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: